Wu Yibing

Wu Yibing
Nazionalità Cina Cina
Altezza 183[1] cm
Peso 80[1] kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 4 - 8 (33.33%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 115º (17 ottobre 2022)[1]
Ranking attuale 115º (17 ottobre 2022)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon
Stati Uniti US Open 3T (2022)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 1 - 2 (33.33%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 295º (23 aprile 2018)[1]
Ranking attuale 1111º (12 settembre 2022)
Palmarès
Asian Games logo.svg Giochi asiatici
Argento Giacarta 2018 Singolare
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 17 ottobre 2022
Modifica dati su Wikidata · Manuale

Wu Yibing[2] (in cinese: 吴易昺; Hangzhou, 14 ottobre 1999) è un tennista cinese.

Ha vinto in carriera alcuni tornei nei circuiti minori, i suoi migliori ranking ATP sono stati il 115º posto in singolare nell'ottobre 2022 e il 295º in doppio nell'aprile 2018. Dal 2017 fa parte della squadra cinese di Coppa Davis.

Tra gli juniores ha vinto i tornei di singolare e di doppio agli US Open 2017, successi che gli hanno consentito di raggiungere la vetta del ranking mondiale di categoria nel settembre 2017.[3]

Carriera

Tra gli juniores

Gioca nell'ITF Junior Circuit tra il 2014 e il 2017, vince il primo titolo in doppio nel giugno 2014 in un torneo cinese di Grade 5 e la settimana dopo vince il primo torneo in singolare in un altro Grade 5 cinese. Il primo risultato importante nei tornei di Grade A è la finale raggiunta in singolare nel dicembre 2016 al prestigioso Orange Bowl, persa contro Miomir Kecmanović. Il mese successivo si spinge fino alle semifinali in singolare e in doppio agli Australian Open. Dopo l'eliminazione nei quarti a Wimbledon, nel settembre 2017 trionfa agli US Open sia in singolare, con la vittoria in finale sull'argentino Axel Geller, che in doppio, in coppia con il taiwanese Hsu Yu-hsiou. Sono i primi successi di un cinese in una prova juniores del Grande Slam e gli garantiscono il primo posto nel ranking mondiale l'11 settembre 2017. Disputa l'ultimo torneo da juniores al successivo ITF Junior Masters perdendo la finale contro Emil Ruusuvuori. Chiude l'esperienza con nove titoli in singolare e sette in doppio, con gli unici successi nei tornei di Grade A agli US Open.[3][4]

2015-2017, inizi tra i professionisti e primi titoli Futures e Challenger

Fa il suo esordio tra i professionisti nell'aprile 2015 con la sconfitta al primo turno in un torneo cinese dell'ITF Men's Circuit. Dopo questa isolata apparizione, l'anno successivo gioca otto tornei e gli unici risultato di rilievo sono il suo primo incontro vinto in un torneo dell'ATP Challenger Tour e una semifinale ITF in doppio. Reduce dai buoni risultati tra gli juniores, nel febbraio 2017 fa il suo esordio in Coppa Davis in occasione della sfida vinta 5-0 contro Taiwan, e conquista il secondo punto cinese per il ritiro al quinto set del suo avversario Jason Jung. Due settimane più tardi alza il primo trofeo da professionista sconfiggendo Danilo Petrović nella finale del torneo ITF China F3. A maggio perde la sua prima finale ITF in doppio. Ad agosto si spinge fino in semifinale al Chengdu Challenger e perde al terzo set contro Lu Yen-hsun che vincerà il torneo.

Di rientro dai trionfi agli US Open juniores, il 17 settembre vince il primo titolo Challenger a Shanghai, non ancora diciottenne; ritrova in finale lo stesso Lu, nº 62 del ranking ATP, che si ritira dopo aver perso al tie-break il primo set. A fine mese Wu esordisce con una wild-card nel circuito maggiore e viene sconfitto da Thiago Monteiro al primo turno del Chengdu Open dopo aver vinto il primo set. Esce di scena al primo turno anche al successivo Shanghai Masters, dove invece raggiunge il secondo turno in doppio assieme a Wu Di. A novembre raggiunge la 301ª posizione nel ranking mondiale di singolare.

2018-2021, infortuni e impegni nei circuiti cinesi durante i primi due anni di COVID-19

Nella prima parte del 2018 Wu subisce diversi infortuni, si prende diverse pause per recuperare dal punto di vista fisico e mentale, essendo disorientato per la grande differenza tra il tennis juniores e quello professionistico. A febbraio sconfigge Jose Statham nella sfida di Coppa Davis vinta 3-1 contro la Nuova Zelanda. Torna in campo di nuovo in Coppa Davis due mesi dopo per il confronto con l'India, vince il primo singolare con Ramkumar Ramanathan e perde quello decisivo contro Prajnesh Gunneswaran, che sancisce l'eliminazione dei cinesi. Ad aprile sconfigge in un torneo Challenger il nº 86 ATP Evgeny Donskoy. Le varie pause che prende lo tengono lontano dalle competizioni per un totale di 4 mesi; in questo periodo firma un contratto con la statunitense IMG e passa sotto la guida di un nuovo e più professionale staff tecnico con base in Florida.[4][5]

Riprende a giocare con continuità a luglio e subito perde in finale in un torneo ITF. Diventa ancora più popolare in Cina dopo la medaglia d'argento in singolare conquistata ad agosto ai XVIII Giochi asiatici, primo tennista uomo cinese a entrare in finale in questa competizione dopo 24 anni.[6] Quell'estate raggiunge per due volte i quarti di finale nei tornei Challenger e a settembre porta il best ranking alla 299ª posizione. A ottobre vince il primo incontro di singolare in carriera nel circuito ATP allo Shanghai Masters battendo Li Zhe, e al secondo turno viene eliminato dal nº 12 del mondo Kei Nishikori dopo aver vinto il primo set.

Fa il suo esordio stagionale del 2019 in febbraio in Coppa Davis e perde l'unico incontro disputato in singolare nella sfida vinta 3-2 dal Giappone. Gioca altri tre tornei Challenger e dopo quello giocato in marzo a Zhangjiagang subisce una serie di infortuni che lo tengono lontano dalle competizioni per tutta la stagione, in particolare si sottopone a un intervento chirurgico per rimuovere un'escrescenza ossea al gomito. Lascia gli Stati Uniti e rientra a giocare in Cina nel 2020, durante l'emergenza COVID-19, e sia in quella stagione che in quella successiva gioca con successo esclusivamente nei circuiti nazionali cinesi.[6][7][8][9][10]

2022: tre titoli Challenger, terzo turno agli US Open e 115º nel ranking

A fine gennaio 2022 fa la sua prima apparizione internazionale dopo quasi tre anni in un torneo ITF messicano e si procura una grave distorsione durante il match di secondo turno.[7] Mantiene alcuni dei punti ATP guadagnati nel 2019 grazie alle misure adottate dall'ATP per far fronte alla pandemia di COVID-19,[11] ma a marzo scende alla posizione nº 1869 del ranking. Rientra ad aprile e vince il primo titolo dopo 4 anni e mezzo nel torneo di singolare dell'ITF M15 a Orange Park. L'impegno successivo è a maggio al Challenger di Zagabria, dove sconfigge il nº 85 ATP Jordan Thompson e viene eliminato nei quarti di finale da Jason Kubler. Ritrova Kubler a giugno nella finale del Challenger di Orlando e si aggiudica il titolo per il ritiro dell'avversario nel terzo set. A luglio vince due tornei Challenger consecutivi negli Stati Uniti a Rome e a Indianapolis battendo nelle rispettive finali Ben Shelton e Aleksandar Kovacevic. Già con il successo a Rome ritocca il best ranking del 2019 portandosi alla 233ª posizione mondiale, e con la vittoria a Indianapolis sale alla 174ª, diventando per due settimane il nº 1 tra i tennisti cinesi.[7]

Trascorre le tre settimane successive a prepararsi per gli US Open e il 26 agosto diventa il primo tennista uomo cinese a superare le qualificazioni nella storia dello Slam newyorkese insieme a Zhang Zhizhen, che si qualifica quello stesso giorno.[12] Dopo il successo iniziale su Ričardas Berankis, supera in rimonta Stefano Travaglia e accede al tabellone principale battendo in due set il nº 112 ATP Corentin Moutet. Al primo turno concede solo 7 giochi al nº 35 del mondo Nikoloz Basilašvili e diventa il primo uomo cinese a vincere un incontro in uno Slam nell'era Open; la stessa impresa non riesce a Zhang, che perde l'incontro di primo turno. L'ultima vittoria di un tennista cinese in uno Slam era stata quella di Fu Chi Mei, che aveva sconfitto Ron Barnes al turno di esordio del torneo di Wimbledon 1959.[13] Wu si impone quindi in rimonta al quinto set su Nuno Borges e al terzo turno viene eliminato in tre set da Daniil Medvedev; a fine torneo sale alla 131ª posizione mondiale. Torna a giocare dopo oltre un mese nei Challenger ed esce al secondo turno a Gwangju, la settimana successiva perde la finale di Seoul contro Li Tu e porta il best ranking alla 115ª posizione.

Statistiche

Aggiornate al 17 ottobre 2022.

Tornei minori

Singolare

Vittorie (6)
Legenda tornei minori
Challenger (4)
Futures/ITF World Tennis Tour (2)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 5 marzo 2017 Cina China F3, Anning Terra battuta Serbia Danilo Petrović 6-4, 7-66
2. 17 settembre 2017 Cina Shanghai Challenger, Shanghai Cemento Taipei Cinese Lu Yen-hsun 7-66, 0-0 rit.
3. 24 aprile 2022 Stati Uniti M15 Orange Park Terra battuta Stati Uniti Michael Zheng 7-64, 7-5
4. 12 giugno 2022 Stati Uniti Orlando Open, Orlando Cemento Australia Jason Kubler 65-7, 6-4, 3-1 rit.
5. 17 luglio 2022 Stati Uniti Georgia's Rome Challenger, Rome Cemento (i) Stati Uniti Ben Shelton 7-5, 6-3
6. 24 luglio 2022 Stati Uniti Rajeev Ram Foundation Indy Challenger, Indianapolis Cemento (i) Stati Uniti Aleksandar Kovacevic 610-7, 7-613, 6-3
Sconfitte in finale (1)
N. Data Torneo Superficie Avversario Punteggio
1. 15 luglio 2018 Cina China F10, Shenzhen Cemento Cina Te Rigele 6-4, 4-6, 3-6
2. 16 ottobre 2022 Corea del Sud Seoul Open Challenger, Seoul Cemento Australia Li Tu 65-7, 4-6

Doppio

Sconfitte in finale (1)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari Punteggio
1. maggio 2017 Spagna Spain F12, Lleida Terra battuta Bolivia Boris Arias Italia Erik Crepaldi
Germania Pascal Meis
63-7, 4-6

Tornei juniores del Grande Slam

Singolare

Vittorie (1)
N. Data Torneo Superficie Avversari in finale Punteggio
1. 10 settembre 2017 Stati Uniti US Open, New York Cemento Argentina Axel Geller 6-4, 6-4

Doppio

Vittorie (1)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 9 settembre 2017 Stati Uniti US Open, New York Cemento Taipei Cinese Hsu Yu-hsiou Giappone Yuta Shimizu
Giappone Toru Horie
6-4, 5-7, [11-9]

Note

  1. ^ a b c d (EN) Yibing Wu - Overview, su atptour.com.
  2. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Wu" è il cognome.
  3. ^ a b (EN) Yibing Wu Juniors Singles Overview, su itftennis.com.
  4. ^ a b (EN) Fitness A Priority For Wu Yibing In Return To Tour, su atptour.com, 4 agosto 2018.
  5. ^ (EN) Yibing Wu - Player bio, su atptour.com.
  6. ^ a b (EN) Tennis genius Wu Yibing is still king after his comeback, su min.news.
  7. ^ a b c (EN) Wu Yibing Ready To Get Back In The Fast Lane, su atptour.com, 30 luglio 2022. URL consultato l'8 agosto 2022 (archiviato il 6 agosto 2022).
  8. ^ (EN) The comeback of fairy tales shines on the stage of the China Tour, Wu Yibing wants to go higher and farther, su inf.news.
  9. ^ (EN) Challenger Tour Weekly Recap: Wu Yibing Coming Back Strongly After the Hiatus, su lastwordonsports.com.
  10. ^ (EN) Chinese aces hold court, su china.org.cn (archiviato il 20 luglio 2022).
  11. ^ (EN) Fedex ATP rankings adjustments-FAQ, su atptour.com, 3 marzo 2021. URL consultato il 10 maggio 2021 (archiviato il 10 maggio 2021).
  12. ^ (EN) Wu Yibing, Zhang Zhizhen make history for China by qualifying for 2022 US Open main draw, su usopen.org, 26 agosto 2022. URL consultato il 28 agosto 2022.
  13. ^ (EN) Wu ends China's 63-year wait for men's Grand Slam match win, su reuters.com.

Collegamenti esterni

  • (EN) Wu Yibing, su atpworldtour.com, ATP Tour Inc. Modifica su Wikidata
  • (EN) Wu Yibing, su itftennis.com, ITF. Modifica su Wikidata
  • (EN) Wu Yibing, su daviscup.com, ITF. Modifica su Wikidata
  Portale Biografie
  Portale Tennis